pizza ovens

Serie Napoletana
Ciro
 

Neapolitan oven catalog.jpg
Ciro n.jpg

Oggi la pizza napoletana viene esportata in tutto il mondo con ottimi risultati, ma non tutti i forni sono all'altezza. ForniDorigo ha progettato e realizzato il Ciro, diverso da quelli tradizionali esistenti e adatto alla pizza napoletana, ovvero alte temperature con cotture omogenee e in tempi brevissimi, senza bruciare la base pizza.

Creato con l'aiuto di professionisti del settore, il nostro forno Ciro porta la tradizione nel futuro con l'utilizzo di bruciatori a gas che garantiscono la cottura della pizza in 1 minuto e resistenze elettriche per ridurre i consumi energetici, facilitando il lavoro del fornaio. Disponibile elettrico, a legna, con bruciatore a gas e sistema ibrido.

Cottura ele 2.png

Versione elettrica  

Frutto di test approfonditi il nostro forno elettrico unisce tecnologia e tradizione, offrendo la potenza e la precisione necessarie per cuocere la pizza perfetta! Raggiungendo temperature superiori ai 500 gradi il forno può essere utilizzato per cuocere la pizza napoletana in 90 secondi che richiede temperature più elevate e per i puristi può essere fornito anche con il piano di cottura “Biscotto” di Sorrento, adatto anche a temperature ridotte, per cuocere qualsiasi tipo di Pizza. Il modello con piano rotante offre una maggiore produttività rispetto ai forni con piano fisso. perché non è necessario girare le pizze e non c'è rischio di bruciarle. Le pizze vengono sfornate quando suona l'allarme. La rotazione garantisce una temperatura omogenea e offre cotture costanti e l'utilizzo diventa semplice anche per gli operatori meno esperti. Si usa una paletta perché le pizze vengono sempre cotte davanti alla bocca di entrata.

IMG_20200729_082632.jpg
WhatsApp Image 2020-08-11 at 1.01.48 PM.

Speciali resistenze disposte a margherita con superficie quadrupla rispetto alle normali resistenze utilizzate, specifiche per alte temperature in Incoloy ad alto irraggiamento e che garantiscono una maggiore uniformità di cottura

15Kw di potenza totale che ti permettono di cuocere 50 pizze con un consumo di soli 3kw

Ampio davanzale interno culminante in marmo esterno

Camera di cottura in materiale refrattario per massa termica e maggior risparmio energetico

 

Taglio aria orizzontale per una maggiore ritenzione del calore interno e una minore dispersione termica esterna

 

Doppia illuminazione interna

 

Bocca e arco in ferro battuto

 

Pannello di controllo digitale con gestione programmata dai relè di Potenza e prossimamente con Touch Screen

Ciro.jpg

3 modalità di alimentazione per adattarlo a qualsiasi stile

Due temperature indipendenti con impianto di riscaldamento separato tra soffitto e pavimento

Isolamento ad alte prestazioni per la ritenzione di calore

Pannello di controllo multifunzione digitale moderno

Assemblato o assemblato presso la vostra sede. 4 componenti scomponibili. Smontato in 4 pezzi per consentire l'accesso attraverso una normale porta larga 85 cm

Estetica con cupola bianca o mosaico con pietre da rifinire.

Può essere installato in qualsiasi ambiente grazie alla gamma di finiture disponibili

IMG_20200729_102021.jpg
Ciro 400 termal pic.jpg
flir_20200729T092359.jpg

Versione a legna, ibrida e a gas  

CB1.jpg

Disponibile sia a legna, a gas e anche ibridi. Nei forni ibridi il bruciatore è posizionato sul retro del piano di cottura e la legna può essere posizionata su entrambi i lati del piano di cottura. Puoi anche optare per un bruciatore a gas aggiuntivo sotto il piano di cottura per il massimo recupero del calore perso nei momenti di intenso lavoro.

Ciro 2 piano.jpg
980ea790-f312-437e-9286-5ef50ec7d46c.jpe

Il forno viene spedito montato o da montare in cantiere in un solo giorno. Due tipologie di coibentazione superiore in fibra ceramica e fibra di gesso ignifugo per una minima dispersione del calore esterno. Temperatura esterna inferiore a 45 gradi. Mosaico personalizzabile. Perfetta per cuocere la pizza napoletana ad oltre 400 gradi con minima dispersione di calore frontale, e davanzale in marmo di 3 cm. Piano di cottura “Biscotto” di Sorrento da 5 cm omologato dalle associazioni pizzaioli napoletane, poggiante su un piano termoriflettente di 6 cm.

CUPOLA

 

La curvatura della cupola ha una forma sferica che garantisce la massima ventilazione e combustione della legna. L'altezza dal pavimento al tetto e cottura di 44 cm e la Cupola è situata esternamente alla base

 

ISOLAMENTO SUPERIORE

 

La coibentazione è realizzata con fibra ceramica resistente fino a 1.400°C con uno spessore minimo di 20cm.

 

ISOLAMENTO INFERIORE

Usiamo due tipi di isolamento inferiori a 12 cm in totale. Sotto il forno la temperatura è di soli 30°C dando un notevole risparmio energetico.

 

DAVANZALE PROFONDO

 

Il davanzale è di 35 cm e protetto da materiale cementizio.

Sistema di rotazione  

I forni con la base rotante offrono una maggiore produttività rispetto a quelli fissi. Non è necessario girare le pizze e non c'è rischio di bruciarle e si tirano fuori quando suona il timer. La rotazione garantisce una temperatura omogenea e un processo di cottura costante. L'utilizzo è anche per operatori inesperti. Si usa una paletta perché le pizze vengono cotte davanti all'apertura.

Pannello di controllo  

Controll pannel.jpg

Il pannello di controllo mostrato è dotato di:

Pulsante di accensione generale

2 sonde di rilevamento

Timer di cottura personalizzato

Avviso sonoro al termine del ciclo di cottura

Avviso acustico di raffreddamento del piano di cottura

Selettore direzione piano cottura

Pulsante di emergenza generale

Piastra a infrarossi o chiave di accensione del bruciatore a gas

Riscaldamento sotto il piano cottura 

Image From Forno Ciro 4 lanf 06:21.png

Nei nostri forni rotanti si può scegliere tra un bruciatore a gas o una resistenza elettrica posizionata sotto il piano di cottura, mentre nei forni fissi possiamo applicare una resistenza elettrica quattro volte la superficie rispetto alle normali resistenze, specifica per alte temperature in Incoloy ad alto irraggiamento per garantire l'immediato recupero del salto termico. La fonte di calore aggiunta permette di utilizzare il forno nei momenti di lavoro più intensi senza attendere tra una cottura e l'altra che il piano di cottura recuperi il calore disperso, consentendo di utilizzare il forno alla sua massima capacità.

WhatsApp Image 2020-08-11 at 1.01.48 PM.